I veri amanti dei fiori e delle piante infatti trovano sempre modi alternativi e innovativi per inserire il verde all’interno della casa o sulle pareti del proprio balcone. Uno di questi è proprio l’orto verticale. Questa piccola ma utilissima invenzione è stata definita anche “architettura ecosostenibile” ed è l’ideale quando non vogliamo rinunciare a coltivare qualcosa con le nostre mani anche se viviamo in uno spazio piccolo e ristretto. Vediamo 4 idee per realizzare un orto verticale. 

Mensole 

Uno dei metodi più semplici e veloci per ottimizzare lo spazio di un orto verticale, è quello di attaccare delle mensole al muro. Si possono mettere una sopra l’altra, tutte sullo stesso piano, o addirittura seguendo un andamento obliquo.  

Bottiglie di plastica 

Realizzare un orto verticale di questo tipo è semplice: basta tagliare una sezione laterale della bottiglia e asportarla (facendo attenzione a non rimuovere la parte del tappo), fare dei forellini sul lato opposto e, con dei chiodi, fissarlo. Il vaso è pronto, riempitelo di terra e innestate le piantine, che non dovranno essere di dimensioni eccessive. 

Cassettiera 

Una vecchia cassettiera, un sacco di terriccio molto ricco e tante piantine da coltivare vi permetteranno di ottenere un insolito orto verticale sul terrazzo e di recuperare un mobile che era rimasto abbandonato per troppo tempo in cantina. Nei cassetti potrete coltivare insalate, piante grasse, aloe vera, erbe aromatiche e anche dei piccoli frutti, come le fragole. 

Pallet 

I pallet sono materiali da imballaggio che possono essere recuperati a costo zero piuttosto facilmente. Altrettanto semplice è trasformarli in un supporto verticale adatto per l’orto verticale sul balcone. A qualcuno il pallet può non piacere, ma basta poco per renderlo un valido accessorio per a casa: con un po’ di vernice, infatti, potete dare sfogo alla vostra creatività e dargli uno o più colori.