La vigilanza privata è un servizio che permette di prevenire uno dei più grandi incubi delle persone: i furti, le rapine e le violazioni della proprietà. Per evitare questi spiacevoli inconvenienti è fondamentale proteggere la propria casa, in particolare nei periodi in cui si è lontani da casa. Alcune persone decidono di dotarsi di impianti di videosorveglianza in modo da tenere sotto controllo la propria casa tramite lo smartphone o il pc, mentre altri optano per un più completo servizio di vigilanza roma.

Ma come funziona questo servizio? E come ci si orienta nella scelta del servizio più adatto alle nostre esigenze?

In fase di scelta generalmente ci si rivolge ad un istituto di vigilanza privata della propria zona che effettua un’analisi preventiva della situazione e che propone le soluzioni più adatte per la sicurezza della propria casa, in relazione al grado di rischio della propria abitazione. Il grado di rischio si calcola in seguito ad una valutazione attenta ed accurata, che tiene conto tra i tanti fattori della tipologia di abitazione e della zona dove si trova il proprio immobile.

Una volta stabilito il budget a disposizione bisognerà installare in casa un impianto di antifurto, ossia il sistema cardine per una corretta sorveglianza dell’immobile. Questa apparecchiatura deve innanzitutto rispondere alle proprie esigenze e viene regolarmente connessa con una centrale operativa che resta in funzione 24 ore su 24.

All’interno della centrale è presente personale qualificato che sorveglia regolarmente le immagini, in modo da intervenire immediatamente in caso di azioni sospette o di segnali inviati automaticamente dall’impianto. È proprio questo uno dei più grandi vantaggi della vigilanza privata: in situazioni di emergenza gli uomini della sicurezza che sorvegliano la zona sono in grado di intervenire immediatamente a seguito di un segnale d’allerta da parte della centrale e di scongiurare eventuali situazioni di pericolo, anche allertando le Forze dell’Ordine.