Mastoplastica additiva: come funziona l’intervento? Gli impianti possono essere inseriti sotto la ghiandola mammaria, tra questo e il muscolo maggiore pettorale (subglandolare), o sotto il muscolo stesso (sottomuscolare), o in alcuni casi in un doppio piano sia sottomuscolare che subglandolare. L’incisione può essere posizionata nella piega sotto il seno o attorno all’areola del capezzolo, in base alle caratteristiche anatomiche di ciascun seno, alle dimensioni e al tipo di impianto.

Il posizionamento sottomuscolare dell’impianto è di solito la scelta preferita perché in questo modo l’impianto è ben coperto dal muscolo principale pettorale, è meno evidente, morbido e le linee si fondono in modo naturale, così come vi è una minore possibilità di contrattura. La durata della vita degli impianti è lunga ma non infinita. Normalmente si consigliano controlli regolari e sostituzioni dopo 10-15 anni.

Nella fase preoperatoria è importante eseguire un’attenta revisione diagnostica del seno (sia con ultrasuoni che con raggi X). L’intervento chirurgico viene eseguito in anestesia generale e dura circa due ore, in day surgery o con ricovero per un giorno. Al termine della procedura vengono inseriti gli scarichi di aspirazione (a volte non sono necessari) che in ogni caso vengono rimossi dopo 24-48 ore. Durante i primi giorni dopo l’operazione potresti avere un po’ di dolore, che è ben controllato usando antidolorifici comuni, inoltre potrebbe esserci un gonfiore che gradualmente diminuirà. Si consiglia di indossare un reggiseno di sostegno per circa un mese dopo l’operazione, ma dopo alcuni giorni è possibile riprendere la normale attività quotidiana. Si consiglia di attendere almeno un mese prima di intraprendere attività sportive.

Il dott. Campiglio, come puoi vedere qui www.gianlucacampiglio.it, esegue interventi di aumento del seno, mastoplastica additiva a Milano, solo presso le più rinomate strutture cliniche specializzate in chirurgia plastica estetica, in sale operatorie attrezzate con moderne e sicure tecnologie e dotate di personale medico infermieristico di elevata professionalità. La clinica di chirurgia plastica estetica è situata nel cuore di Milano, a pochi passi dalle famose vie di negozi di moda, attrazioni culturali come il teatro alla Scala e il Duomo di Milano. La clinica è facilmente raggiungibile a piedi o in metropolitana dal centro città.

Per effettuare una mastoplastica additiva è necessario utilizzare delle protesi mammarie in silicone che sono dei dispositivi medici autorizzati per questo scopo dal Ministero della Salute. L’effetto di riempimento e rimodellamento è ottenuto collocando tali protesi al di dietro o al davanti del muscolo grande pettorale attraverso una piccola incisione cutanea localizzata a livello del cavo ascellare, dell’areola o del solco sottomammario. L’accesso ombelicale non è più utilizzato in quanto prevedeva il ricorso a protesi mammarie gonfiabili che oggi sono state praticamente abbandonate dalla maggioranza dei chirurghi plastici.

La scelta della protesi mammaria adeguata (ne esistono di varie misure e forme) dipende dal volume e dalla forma del seno di partenza.