La terapia focalizzata sulla compassione (CFT) ha lo scopo di aiutare a promuovere la guarigione mentale ed emotiva incoraggiando le persone in cura ad essere compassionevoli verso se stesse e le altre persone. La compassione, sia verso se stessi che verso gli altri, è una risposta emotiva ritenuta da molti un aspetto essenziale del benessere. Il suo sviluppo può spesso avere il vantaggio di migliorare la salute mentale ed emotiva.

Professionisti della salute mentale addestrati possono offrire CFT  nella loro pratica per aiutare e supportare le persone in terapia che desiderano esplorare modi di relazionarsi con se stessi e gli altri con maggiore compassione.

Storia della CFT

Sviluppato all’inizio del XXI secolo da Paul Gilbert, l’approccio CFT incorpora teorie, principi e tecniche di varie scuole di psicologia, modalità di trattamento e religione.

La CFT si basa sull’attuale comprensione dei sistemi di regolazione delle emozioni di base: il sistema di minaccia e autoprotezione, il sistema di guida e di eccitazione e il sistema di contentezza e sicurezza sociale. Le sessioni di trattamento evidenziano l’associazione tra questi sistemi e il pensiero e il comportamento umani. Lo scopo di CFT è di bilanciare questi tre sistemi affettivi.

Come funziona la CFT?

Secondo la teoria della CFT, i sistemi di minaccia da un lato e di contentezza dall’altro si sono evoluti nel corso della storia umana per facilitare la sopravvivenza. I primi umani avevano la necessità di evitare o superare le minacce, cercare risorse come cibo o intimità e godere dei benefici di far parte di una comunità sociale. I sostenitori della CFT suggeriscono che questi sistemi sono ancora attivi e influenzano le emozioni, le azioni e le credenze umane di oggi. Se viene ricevuto uno stimolo minaccioso, ad esempio, una persona può provare diversi sentimenti, esibire vari comportamenti e sviluppare alcuni pregiudizi cognitivi. 

Il sistema di guida si sforza di indirizzare gli individui verso obiettivi e risorse importanti promuovendo al contempo sentimenti di anticipazione e piacere. Le persone con un sistema di guida troppo stimolato possono impegnarsi in comportamenti rischiosi come pratiche sessuali non sicure o abuso di droghe e alcol.

Il sistema di contentezza è collegato ai sentimenti di felicità. Questi sentimenti non sono associati alla ricerca del piacere, né sono semplicemente presenti a causa dell’assenza di minacce. Piuttosto, questo stato di calma positiva è in genere legato alla consapevolezza di essere socialmente connessi, curati e sicuri. Questo sistema calmante funge da regolatore sia per i sistemi di minaccia che di guida.

Dove effettuare la CFT a Salerno

Grazie alle competenze professionali maturate durante il suo percorso di studio, La Dottoressa Olga Paola Zagaroli si serve della terapia CFT a Salerno per il trattamento di alcuni disturbi della sfera psicologica: disturbo da stress post traumatico, psicosi, disturbi dell’umore, disturbi alimentari e dolori cronici.

In linea con i recenti studi relativi all’efficienza di terapie che coinvolgono la fisicità del corpo, la terapia CFT a Salerno propone un insieme di pratiche cognitive, meditative e corporee, finalizzate al miglioramento di importanti indici fisiologici (es. HRV: variabilità inter-battito). Difatti, secondo le ultime scoperte scientifiche, una variazione positiva di questi parametri permetterebbe al paziente di aumentare la percezione di emozioni legate all’empatia e alla compassione.