C’è stato un vero e proprio boom, negli ultimi anni, di negozi e attività che propongono prodotti a base di erba con un basso tasso di thc. È la cosiddetta erba light, cioè quel tipo di erba che in condizioni normali darebbe effetti stupefacenti su chi la usa ma che grazie al basso tasso di thc in essa contenuto, invece non ne produce affatto, dando luogo al contrario a molto benefici.

Si tratta di un tipo di erba che è consentito dalla legge, così come tutti i prodotti che da essa derivano perché vengono realizzati partendo dalla cannabis a thc ridotto.

Attenzione: non si tratta quindi né della classica erba, né della cannabis di tipo terapeutico che deve essere invece prescritta dal medico. Zero effetti stupefacenti e 100 per cento legale. È la cannabis sativa, che dà luogo a infiorescenze a basso thc, in quantità inferiore a quello della pianta classica: l’effetto visivo è quindi lo stesso perché si tratta della stessa pianta, ma il contenuto cambia e dunque in seguito all’assunzione – fumata, come condimento o anche come ingrediente in ricette per la birra, dolci o altri alimenti – non ci saranno gli effetti stupefacenti della marijuana tradizionale.

Quali dunque i vantaggi dell’erba light?

I prodotti a base di erba light hanno numerose proprietà benefiche, perché contengono – oltre al basso thc – anche alte percentuali di CBD, il cannabidiolo, che è una sostanza non psicotropa che per il nostro organismo risulta rilassante, dà effetti antidolorifici, antiemetici, antidepressivi, antibatterici, neuroprotettivi, anticonvulsivanti, antiossidanti, antinfiammatori, antispastici, antipsicotici. Quindi usare erba light può aiutare in tutte quelle situazioni in cui si manifestino disagio e malessere generalizzato. Nessun tipo di dipendenza ed assenza di effetti psicotropi la rendono perfettamente legale ed esente da qualunque tipo di prescrizione medica o specialistica. Basta andare al negozio oppure ordinarla on line.